Carpe Diem, poiché il tempo sfugge
Carpe Diem, poiché il tempo sfugge
Curiosità

Carpe Diem, poiché il tempo sfugge

articolo di Stefania Negri 18 febbraio 2019

Chi non vorrebbe poter rallentare il tempo o avere più minuti a disposizione sull’orologio?

Qualsiasi attività tu svolga, in ambito professionale o personale il Tempo, purtroppo, è una risorsa che non può essere modificata: ovunque tu sia nel mondo ci sono sempre solo 52 settimane l’anno, 7 giorni la settimana, 24 ore in una giornata e 60 minuti in un’ora. Prendere coscienza di questo può essere traumatico, tuttavia  è un dato di fatto immodificabile.

Siamo pertanto d’accordo che la risorsa Tempo non va sprecata, ma va organizzata e sfruttata al massimo della potenzialità perché il tempo, si sa, non fa sconti o eccezioni per nessuno.
 

Che valore viene attribuito alla risorsa Tempo?

Secondo un sondaggio realizzato da Linkedin (network che connette Imprese e Professionisti) ad inizio 2018, è stato chiesto a Manager di Azienda quali fossero le skills (competenze) maggiormente richieste in fase di selezione del personale.

Per quanto riguarda le “soft skills” (le competenze trasversali) sono emerse le seguenti:

  1. Leadership
  2. Comunicazione
  3. Team Working (collaborazione)
  4. Time Management (gestione del tempo)

È evidente, dunque, che in fase di selezione si ricerca un collaboratore che, tra le principali caratteristiche, abbia la capacità di gestire il proprio tempo, per organizzare al meglio le proprie attività e di conseguenza anche quelle dei suoi collaboratori.
 

Perché è così importante saper gestire il tempo in ambito professionale?

Chiunque gestisca progetti, si trova a dover fare i conti con il tempo. Un approccio corretto determina il pieno controllo di un progetto assegnato, permette la verifica e la gestione di ciascuna fase, permettendo modifiche in corso d’opera e cambi di direzione. La cattiva gestione del tempo porta nella migliore delle ipotesi a ritardi, nella peggiore delle ipotesi al fallimento di un intero progetto o il non raggiungimento di un obiettivo.
 
Quali sono le attività coinvolte nel Time Management?

  • Definizione degli obiettivi;
  • Definizione delle priorità;
  • Pianificazione;
  • Monitoraggio.
Come sfruttare dunque al meglio la propria giornata lavorativa?

Cerchiamo innanzitutto di prendere coscienza di alcuni aspetti e dinamiche che sono parte del nostro modus operandi, poichè sfruttare al meglio la giornata lavorativa dipende esclusivamente da noi stessi.
Non dimenticare che una giornata è fatta di sole 24 ore, delle quali se ne dedicano in media 10 al lavoro (chi più, chi meno).

  • Traccia il tuo tempo. Come utilizzi il tuo tempo? Analizza la tua giornata lavorativa ed elenca le tue attività su un foglio;
  • Pianifica attentamente le attività da svolgere nell’arco della giornata;
  • Cosa ti fa perdere tempo? Analizza le cattive abitudini e quanto tempo spendi per queste attività;
  • Assegnati dei micro obiettivi per eliminare le perdite di tempo (ad esempio, stabilisci di non rispondere alle telefonate personali durante l’orario di lavoro; oppure definisci delle pause e un tempo per ciascuna);
  • Identifica le priorità. Se vuoi puoi utilizzare la matrice di Eisenhower molto utile per aiutare ad identificare cosa è urgente e cosa è importante. 
     

Inserisci le attività nei diversi riquadri:
P.1= Priorità 1 (cosa è urgente e importante).Su queste attività investi le maggiori energie da subito;
P.2= Priorità 2 (cosa non è urgente ma importante). Attività da pianificare;
P.3= Priorità 3 (cosa è urgente ma non importante). Attività da delegare ad altri;
P.4= Priorità 4 (cosa non è urgente né importante). Attività da fare nei ritagli di tempo.
 

  • Impara a delegare. Non c’è necessità di farsi carico di tutto sulle proprie spalle, molte attività possono essere delegate così che tu possa dedicarti ad altro e rendere più veloce il processo di raggiungimento dell’obiettivo. Questo fa parte della Collaborazione.
  • Definisci un tempo limite per ciascuna attività, solamente così riuscirai a focalizzarti su un’attività alla volta ed avere ben chiaro il tempo a disposizione. Se non riesci a concludere l’attività entro il tempo definito non dilungarti, chiudila e passa ad altra attività. A volte riprendere un’attività successivamente aiuta a fare chiarezza e a risolvere la situazione con maggiore energia.

 
Non cadere nella trappola del dire “ancora 5 minuti...”, ogni cosa ha un tempo ben definito e va rispettato.  
 
Mi piace chiudere questo articolo con una citazione che a mio vedere sintetizza tutta l’attività di Time Management:  

La cattiva notizia è che il tempo vola. Quella buona è che tu sei il pilota.” - M. Altshuler 

Sn 200  small
Milanese, ma cittadina del mondo. Anni di esperienza come Export Manager e nel Business Development, in RE/MAX dal 2017. Animo hard rock e amante degli animali. Mamma, amica, sorella, moglie, viaggiatrice, driver e blogger nel tempo che rimane.
https://www.remax.it/snegri
Condividi questo articolo
Iscriviti alla nostra Newsletter

riceverai le ultime news sul mercato immobiliare e del credito, sulle attività di marketing e tante curiosità sul mondo del real estate.

Iscriviti
Iscriviti alla nostra newsletter